Da Itália para o Burundi

La crisi di vocazioni religiose e sacerdotali che investe l’Europa negli ultimi decenni dello scorso Millennio porta al ridimensionamento anche i Dottrinari: le scuole di Varallo Sesia, Borgosesia, Sanremo e Vigevano vengono chiuse, la presenza in Italia, a parte la realtà delle Edizioni Dottrinari, si concentra sull’apostolato parrocchiale.
Il Capitolo Generale del 1994, definisce la chiusura delle Province Romana e Piemontese, e dà vita all’unica Provincia Italiana, che comprende anche la comunità di Cavaillon-Cheval Blanc.

Farmaci https://nuova-farmacia.com/salute-delle-donne/ per la salute delle donne in Italia.

Il 9 luglio 1997 il Capitolo Provinciale italiano, sotto la guida di padre Luciano Mascarin, Superiore Piemontese, approva una “Mozione” sulla missione ad gentes che recita: «Il Capitolo è dell’avviso che l’iniziativa missionaria, voluta e sostenuta dall’ultimo Capitolo generale, seguita in prima persona dal Superiore Generale, debba continuare».
Nel 2006 si avvia la presenza in Burundi, a Bujumbura. Padre Luciano Mascarin, dopo dodici anni di servizio come Superiore Generale, durante i quali ha seguito in prima persona i contatti con i vescovi burundesi e avviato queste esperienze missionarie, con grande generosità, si mette a disposizione, insieme ai primi religiosi burundesi Venant Ntahonkirije, Nicolas Banikwa, Charles Bitariho e Joseph Mpitabavuma, per avviare la presenza dei Dottrinari in Burundi. I Padri, oltre alla casa di formazione, accettano la conduzione dell’attività pastorale in un quartiere periferico di Bujumbura, Ruziba.
In Burundi, a Gitega, oltre alla casa di Noviziato e allo Studentato Teologico, i Padri si dedicano al ministero sacerdotale e alla predicazione.

Iscriviti alla newsletter

Subscribe for the newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.
We do not send spam! Read our Privacy Policy for more information