Il Movimento Familiare Dottrinario

Il Movimento Familiare Dottrinario nasce dopo un lungo cammino di discernimento e preghiera che ha coinvolto famiglie e giovani delle realtà dottrinarie. Dopo vari incontri tenuti a Varallo Sesia, San Severino Marche e a Roma, i partecipanti comprendono sempre più che il Signore li chiama a vivere la loro realtà familiare e lavorativa secondo il carisma del padre Cesare. Nasce così il Movimento Familiare Dottrinario, che è stato approvato dalla Congregazione nel 2014. Lo Statuto dà la sua identità. Ecco, in sintesi, alcuni punti fondamentali.

Il Movimento Familiare Dottrinario è formato da famiglie che condividono la spiritualità di padre Cesare, sintetizzata nella sua frase: «Tutto in noi catechizzi, il nostro stile di vita sia così conforme alle verità insegnate da essere un catechismo vivente». Alla luce di ciò, le famiglie dottrinarie desiderano acquisire uno stile di vita che trasmetta agli altri la Bella Notizia dell’Amore misericordioso di Dio verso ogni creatura. (Statuto n. 1).

Il Movimento Familiare Dottrinario Sull’esempio del padre Cesare si impegnano a vivere nel quotidiano la centralità della Parola di Dio, riconosciuta come nutrimento della vita cristiana e soprattutto della vita familiare. In particolare dedicandosi all’ascolto della Parola di Dio che la Chiesa propone nella Liturgia del giorno, sia personalmente sia in famiglia, richiamando ciò che il padre Cesare intendeva per “ascolto della Parola”: comprenderla, amarla, credere in ciò che essa annuncia e metterla in pratica. Inoltre ciascun Gruppo è invitato a meditare e condividere la Parola della domenica, lasciandosi aiutare da testi del padre Cesare.

Il Movimento si impegna nel servizio catechistico, soprattutto a sostegno delle famiglie. Si propone anche, compatibilmente con gli impegni che la vita familiare richiede, l’impegno catechistico nella propria realtà parrocchiale. Affinché questo servizio sia efficace, ritiene fondamentale che tutti curino la propria formazione cristiana, in particolare biblica.

L’incontro con l’Eucaristia, celebrata e adorata, e la devozione a Maria, manifestata in particolare con la preghiera del Rosario, sono da considerare altri due elementi fondamentali per la crescita personale e familiare. Per progredire nella comunione e per rafforzare l’identità del Movimento, le Famiglie Dottrinarie vivono ogni anno, con particolare intensità, il 15 aprile, festa del padre Cesare, il 15 settembre, Solennità di Maria Addolorata, l’incontro nazionale che ha lo scopo di fare esperienza di “Famiglia di famiglie”, per condividere le esperienze vissute e crescere nel senso di appartenenza a Cristo, alla Chiesa e alla Famiglia Dottrinaria.